Agrigento

Agrigento

Local manager Davide

@ig_agrigento

Agrigento è una città collinare sulla costa sudoccidentale della Sicilia. È nota per le rovine dell’antica città di Akragas e la Valle dei Templi, un vasto sito archeologico con templi greci ben conservati. Nella periferia della città moderna si trova il Museo archeologico regionale di Agrigento che ospita manufatti e un telamone (statua maschile gigante). A ovest, è situata la Scala dei Turchi, un’insolita scogliera bianca a scalini che si affaccia su spiagge sabbiose.

Storia

La provincia regionale di Agrigento è stata soppressa e sostituita dal libero consorzio comunale di Agrigento.

Confinava ad ovest con la provincia di Trapani, a nord con la provincia di Palermo, ad est con il provincia di Caltanissetta, a sud si affacciava sul Canale di Sicilia.

Si estendeva, da est a ovest, dal mare di Licata alle spiagge di Menfi, in prossimità delle rovine greche di Selinunte; da nord a sud si estendeva dalla catena montuosa dei Sicani al canale di Sicilia; un suo lembo di terra, corrispondente all’arcipelago delle Pelagie (Lampedusa, Linosa e Lampione), appartiene geologicamente al continente africano.

Il suo territorio coincideva perfettamente con quello dell’arcidiocesi di Agrigento, la più vasta diocesi cattolica siciliana per estensione.

Nel 1861 i preesistenti distretti di Girgenti, Bivona e Sciacca furono trasformati in circondari. Nel 1927 i circondari vennero aboliti in tutto il regno. Lo stesso anno la città di Girgenti mutò denominazione in Agrigento, e conseguentemente anche la provincia.

Con lo Statuto speciale siciliano del 1946 furono soppresse le provincie siciliane. Furono ricostituite nel 1963, recependo la normativa nazionale e furono trasformate in “provincie regionali” nel 1986.

Il 28 marzo 2014 fu prevista la soppressione delle 9 provincie regionali, sostituite da nove “Liberi Consorzio comunali ” e 3 aree metropolitane in seguito all’entrata in vigore della legge approvata dall’Assemblea Regionale Siciliana il 12 marzo 2014. Una ulteriore legge regionale disciplinerà compiti e funzioni di questi nuovi enti, mentre ogni provincia è, nel frattempo, retta da un commissario straordinario nominato dalla giunta regionale.

el Sindaco.

Davide – Esplora360

@esplora360

www.esplora360.com

Eventi